e' arrivata una lettera di cecilia.... Stampa E-mail
emozioni della partenza e dei primi giorni...

il giorno della partenza il tempo era variabile ma si sapeva che fuori nella Manica ci aspettava vento forte, tanto che circolava la voce che la partenza dei trimarani,fissata per il giorno dopo, sarebbe stata rimandata.


L’affluenza di gente quel mattino è stata enorme, quando abbiamo mollato gli ormeggi e il gommone ci ha scortato fuori dal bacino Vatine migliaia di persone lungo i pontili e sulle barche ci salutavano e ci fotografano come se stessimo per partire per il giro del mondo.....


fuori dal porto il mare era già grosso e livido, le navi militari erano pronte a darci il via, abbiamo tirato bordi nell’ attesa mentre centinaia di barche barchini ed elicotteri ci roteavano attorno per le ultime foto


c' erano attorno a me tutte le più belle barche del Vandee Globe, i più grandi skipper del mondo si preparavano a partire con me per il Brasile....


Dopo il via, emozionante da brivido, tutte le barche più veloci del mondo improvvisamente lanciate verso l' Oceano


La navigazione i stata subito durissima, entrati nella Manica abbiamo avuto mare molto formato e vento fino 48 nodi, sempre sopra i 35 di media....trichetta e tre mani di terzaroli


La barca filava come un missile nella notte tra enormi frangenti che spazzavano interamente la coperta formando enormi cascate d' acqua nel pozzetto
Spuntavano all' orizzonte continuamente le luci impressionanti degli enormi cargo che risalgono la Manica, una vera roulette russa evitarli.....abbiamo evitato per miracolo una collisione azionando le luci di emergenza della barca


Nel Golfo di Guascogna sempre vento oltre 40 nodi, onde gigantesche che sembravano montagne all' orizzonte di un Territorio inesistente


La vita in barca i stata terribile, tutto sbatteva furiosamente, difficile mangiare e dormire, impossibile stare in piedi, dovevamo uscire continuamente in pozzetto per avvistare i cargo e ogni volta era una cascata di acqua di mare addosso
Ho vissuto con la cerata umida addosso e gli stivali,vivi e dormi sempre con lo stesso abbigliamento per giorni e giorni finché il brutto tempo non finisce


All’altezza di Capo Finisterre finalmente il vento i girato e lentamente i ritornata la vita, il sole, infatti, stiamo facendo una meravigliosa veleggiata tipo grande mediterraneo lungo le coste del Portogallo, vento dai 15 ai 20 nodi, sole, onda grande ma molto dolce
Prossima puntata: le Canarie ! baci a tutti, cecilia

 
< Prec.   Pros. >



Ultime foto
Ultime Press
Archivio stampa
Le Regate
Transat Jacques Vabre 2005
Fastnet Race 2005